Recensione dei migliori
e più affidabili aziende


Recensione dei migliori mediatori di valuta. Panoramica delle aziende Forex più affidabili e leader. Intermediari di trading in tutto il mondo. Panoramica comparativa interattiva delle società commerciali regolamentate. Classificazione dei mediatori di cambio. Verifica e valutazione delle aziende affidabili e migliori Forex. Confronto dei broker di valuta. Valutazione delle migliori aziende Forex in una lista con controlli da parte di esperti. ECN Forex brokers, i migliori intermediari per scalping e trading di notizie. Confronta le principali aziende Forex con una panoramica di rating comparativo. Analisi dei migliori mediatori di valuta. Panoramica e confronto di credibili e migliori società Forex. Valutazione dei broker finanziari. Verifica delle aziende Forex più credibili e leader. Valutazione e confronto di broker di cambio. Panoramica delle società finanziarie. Analisi dei più affidabili e migliori broker Forex. Elenco delle società di valuta. Indagine e valutazione di broker Forex sicuri e leader. Valutazione delle società finanziarie. Stima dei broker Forex. Lista comparativa interattiva delle società di cambio regolamentate. Mediatori Forex in linea. Analisi le migliori aziende del mercato Forex. Panoramica e classifica dei mediatori commerciali. Confronta le migliori aziende Forex con il controllo di un elenco comparativo. Analisi e valutazione di affidabili e principali broker Forex. Le principali compagnie di cambio. Recensione e classifica di mediatori Forex affidabili e leader. Le società finanziarie globali. Analisi e valutazione di broker di cambio. Confronta i migliori broker Forex con revisione per lista comparativa. Indagine sulle società valutarie. Rassegna comparativa interattiva dei broker di cambio regolamentati. Valutazione dei principali broker Forex in una lista con analisi da professionisti. Verifica e stima delle società commerciali. Recensione dei più affidabili e migliori broker Forex. Analisi e confronto delle società di cambio. I migliori intermediari finanziari. Controllo di broker di cambio. Confronto delle aziende Forex. Indagine dei più sicuri e migliori broker forex. Analisi delle società commerciali. Valutazione dei migliori broker Forex in una lista con una revisione da parte di esperti. Recensi le migliori aziende del mercato Forex. Analisi comparativa interattiva dei broker commerciali regolamentati. Valutazione di società valutarie. Recensione degli intermediari finanziari. Valutazione delle principali aziende Forex in una lista con una panoramica dei professionisti. Broker Forex ECN, broker migliori per il trading automatico. Indagine e valutazione delle società di cambio. Confrontare i principali broker Forex con l'analisi per valutazione comparativa.





Skrill
NETELLER
FasaPay
WallStreet Forex RobotVolatility Factor
Forex DiamondForex Trend Detector
Share4youCopyFX
ZuluTrade
Chocoping
GreenCloudVPS
CheapWindowsVPS
SolVPS


Bitminer
Genesis Mining
NiceHash
HashFlare
OXBTC
BW
MinerGate


AwardSpace




Mercato dei cambi. Il mercato dei cambi (Forex, FX o Financial Market) è un mercato globale decentrato o over-the-counter per lo scambio di valute. Questo include tutti gli aspetti di acquisto, vendita e scambio di valute a prezzi correnti o determinati. In termini di volume di trading, è di gran lunga il più grande mercato del mondo, seguito dal mercato del credito. I principali partecipanti a questo mercato sono le maggiori banche internazionali. I centri finanziari di tutto il mondo funzionano come ancoraggi di scambi tra un'ampia gamma di tipi di acquirenti e venditori in tutto il mondo, ad eccezione dei fine settimana. Poiché le valute sono sempre negoziate in coppia, il mercato forex non stabilisce un valore assoluto di valuta ma determina il suo valore relativo impostando il prezzo di mercato di una valuta in un'altra valuta. Es: 1 USD vale X CAD, CHF, o JPY, ecc. Il mercato dei cambi cambia attraverso istituti finanziari e opera su diversi livelli. Dietro le quinte, le banche si rivolgono a un numero minore di società finanziarie conosciute come "rivenditori", che sono coinvolti in grandi quantità di forex trading. La maggior parte dei concessionari di valuta sono banche, quindi questo mercato dietro le quinte è talvolta chiamato "mercato interbancario" (anche se sono coinvolte alcune compagnie di assicurazioni e altri tipi di società finanziarie). I commerci tra i commercianti forex possono essere molto grandi, coinvolgendo centinaia di milioni di dollari. A causa della questione della sovranità quando si coinvolgono due valute, Forex ha pochissimo (se presente) ente di vigilanza, che regola le sue azioni. Il mercato delle valute aiuta il commercio internazionale e gli investimenti consentendo la conversione delle valute. Ad esempio, consente a un'impresa negli Stati Uniti di importare beni dagli Stati membri dell'Unione europea, in particolare nei membri dell'area euro, e pagare gli euro, anche se il suo reddito è in dollari statunitensi. Sostiene anche il profitto diretto per il costo delle valute e il profitto per i tassi di interesse differenziali di due valute. In una tipica transazione forex, una parte acquista una quantità di una moneta pagando con una certa quantità di un'altra valuta. Il moderno mercato dei cambi ha iniziato a formarsi negli anni '70. Ciò ha seguito trent'anni di restrizioni governative sulle transazioni forex sotto il sistema Bretton Woods di gestione monetaria, che ha stabilito le regole per le relazioni commerciali e finanziarie tra i principali stati industriali del mondo dopo la seconda guerra mondiale. I paesi sono passati gradualmente a tassi di cambio fluttuanti rispetto al precedente regime di cambio, che è rimasto fisso per il sistema Bretton Woods. Il mercato dei cambi è unico per le seguenti caratteristiche: il suo enorme volume di scambio, rappresentando la più grande classe di asset nel mondo che porta ad alta liquidità; la sua dispersione geografica; la sua continua operazione: 24 ore al giorno ad eccezione dei fine settimana, ovvero di negoziazione da 22:00 GMT domenica (Sydney) fino alle 22:00 GMT Venerdì (New York); la varietà dei fattori che incidono sui tassi di cambio; i margini ridotti del profitto relativo rispetto ad altri mercati del reddito fisso; l'uso di crediti di credito per migliorare un profitto e la perdita. Come tale, è stato definito come il mercato più vicino all'ideale di perfetta concorrenza, nonostante gli interventi finanziari delle banche centrali. Secondo la Banca per i Regolamenti Internazionali, i risultati preliminari globali dell'Investimento triennale della Banca Centrale del 2016 del Foreign Exchange e dell'OTC Derivatives Markets Activity mostrano che l'esercizio dei mercati forex ha raggiunto i $ 5,09 trilioni al giorno nell'aprile del 2016, al di sotto di $ 5,4 trilioni nell'aprile 2013, sopra $ 4.0 trilioni nell'aprile 2010. Valutato per valore, gli scambi di valuta estera sono stati negoziati più di qualsiasi altro strumento nell'aprile 2016, a 2,4 trilioni di dollari al giorno, seguiti da spot trading a 1,7 trilioni di dollari. . Storia antica. Il trading e lo scambio finanziario si sono verificati in epoca antica. I cambiatori di denaro (persone che aiutano altri a cambiare denaro e anche prendere una commissione oa pagare una tassa) vivevano in Terra Santa nei tempi degli scritti talmudici (tempi biblici). Queste persone (a volte chiamate "kollybistòs") usavano bancarelle di città, e in occasione della festa, invece, la Corte dei Templi dei Gentili. Gli scambiatori di cambio erano anche gli argentieri e / o gli orologi dei tempi antichi più recenti. Durante il IV secolo dC, il governo bizantino mantenne un monopolio sul cambio di valuta. Papyri PCZ I 59021 (c.259 / 8 aC), mostra le occorrenze di scambio di monete in Antico Egitto. La valuta e lo scambio erano elementi importanti del commercio del mondo antico, consentendo alle persone di acquistare e vendere oggetti come il cibo, la ceramica e le materie prime. Se una moneta greca possedeva più oro di una moneta egiziana a causa della sua dimensione o del suo contenuto, allora un mercante poteva barattare meno monete d'oro greche per più egiziani, o per più beni materiali. Ecco perché, ad un certo punto della loro storia, la maggior parte delle monete mondiali in circolazione oggi ha un valore fissato ad una determinata quantità di standard riconosciuto come l'argento e l'oro. Medievale e poi. Durante il XV secolo, la famiglia Medici era tenuta ad aprire banche in luoghi stranieri allo scopo di scambiare valute per agire per conto dei mercanti tessili. Per agevolare il commercio, la banca ha creato il nostro account contabile che contiene due voci a colonne contenenti importi di valuta estera e locale e informazioni relative alla conservazione di un conto presso una banca estera. Durante il XVII (o XVIII) secolo, Amsterdam ha mantenuto un mercato Forex attivo. Nel 1704, il cambio è avvenuto tra agenti che agiscono nell'interesse del Regno d'Inghilterra e della contea di Olanda. Primo moderno. Alex, 19 Brown & Sons ha scambiato valute estere intorno al 1850 ed è stato un trader finanziario leader negli Stati Uniti. Nel 1880, JM do Espírito Santo de Silva (Banco Espírito Santo) ha chiesto e ha ottenuto il permesso di impegnarsi in un'attività di scambio di valuta estera. L'anno 1880 è considerato da almeno una fonte per essere l'inizio del forex moderno: il gold standard è iniziato in quell'anno. Prima della prima guerra mondiale c'era un controllo molto più limitato del commercio internazionale. Motivati ​​dall'inizio della guerra, i paesi hanno abbandonato il sistema monetario standard oro. Moderno al post-moderno. Dal 1899 al 1913, le posizioni dei paesi stranieri sono aumentate a un tasso annuo del 10,8%, mentre le aziende di oro sono aumentate ad un tasso annuo del 6,3% tra il 1903 e il 1913. Alla fine del 1913, quasi la metà del forex del mondo è stata condotta usando la sterlina inglese. Il numero di banche straniere operanti all'interno dei confini di Londra è aumentato da 3 nel 1860, a 71 nel 1913. Nel 1902 c'erano solo due mediatori di cambio di Londra. All'inizio del XX secolo, i commerci in valute erano più attivi a Parigi, New York City e Berlino; La Gran Bretagna rimase in gran parte instaurato fino al 1914. Tra il 1919 e il 1922, il numero dei broker forex a Londra è aumentato a 17; e nel 1924 c'erano 40 imprese che operavano ai fini dello scambio. Durante gli anni '20 la famiglia Kleinwort è stata conosciuta come leader del mercato dei cambi, mentre Japheth, Montagu & Co. e Seligman garantiscono il riconoscimento di importanti operatori di FX. Il commercio di Londra ha cominciato a somigliare alla sua manifestazione moderna. Nel 1928, il commercio del Forex era parte integrante del funzionamento finanziario della città. I controlli sul cambio continentale, oltre a altri fattori in Europa e in America Latina, hanno ostacolato ogni tentativo di prosperità del commercio all'ingrosso con Londra negli anni Trenta. Dopo la seconda guerra mondiale. Nel 1944 è stato firmato l'Accordo di Bretton Woods, che consente alle divise di fluire entro un intervallo di ± 1% rispetto al tasso di cambio di valuta. In Giappone, la legge sulla banca dei cambi è stata introdotta nel 1954. Di conseguenza, la Banca di Tokyo è diventata il centro del forex entro settembre 1954. Tra il 1954 e il 1959, la legge giapponese è stata modificata per consentire operazioni di cambio in molte altre valute occidentali. Il presidente degli Stati Uniti, Richard Nixon, è accreditato per concludere l'Accordo di Bretton Woods e tassi di cambio fissi, portando a finire un sistema finanziario fluttuante. Dopo l'accordo concluso nel 1971, l'accordo di Smithsonian ha permesso ai tassi di fluttuare fino a ± 2%. Nel 1961-62, il volume delle operazioni estere dalla US Federal Reserve era relativamente basso. Coloro che hanno partecipato al controllo dei tassi di cambio hanno trovato i limiti dell'accordo non erano realistici e cessarono così nel marzo del 1973, quando talvolta dopo nessuna delle principali valute è stata mantenuta con una capacità di conversione all'oro, le organizzazioni si sono basate invece sulle riserve di valuta. Dal 1970 al 1973, il volume degli scambi nel mercato è aumentato di tre volte. A un certo periodo (secondo Gandolfo nel febbraio-marzo 1973) alcuni dei mercati sono stati "divisi" e successivamente è stato introdotto un mercato finanziario a due livelli, con tassi di cambio doppie. Questo fu abolito nel marzo 1974. Reuters ha introdotto i monitor di computer nel giugno 1973, sostituendo i telefoni e il telex utilizzati in precedenza per le quotazioni di trading. Chiusura dei mercati. A causa della massima efficacia dell'accordo di Bretton Woods e dell'accordo europeo di galleggiamento congiunto, i mercati forex sono stati costretti a chiudere durante il 1972 e il marzo 1973. Il più grande acquisto di dollari statunitensi nella storia del 1976 è stato quando il governo tedesco ha acquisito l'acquisizione di quasi 3 miliardi di dollari, questo evento ha indicato l'impossibilità di bilanciare le stabilità dei cambi con le misure di controllo utilizzate al momento e il sistema monetario ei mercati forex in Germania Ovest e in altri paesi europei chiusi per due settimane. In seguito Nelle nazioni sviluppate, il controllo statale dello scambio di valuta estera si è concluso nel 1973 quando iniziano le condizioni di mercato completamente fluttuanti e relativamente libere dei tempi moderni. Altre fonti sostengono che la prima volta che una coppia di valute veniva scambiata da clienti retail Usa è stata nel 1982, con coppie di valute aggiuntive che diventano disponibili entro l'anno successivo. Il 1 ° gennaio 1981, come parte delle modifiche iniziate nel corso del 1978, la People's Bank of China ha permesso a talune "imprese" nazionali di partecipare al trading forex. Qualche volta nel 1981, il governo sudcoreano ha concluso i controlli di Forex e ha permesso al commercio libero di verificarsi per la prima volta. Nel 1988, il governo del paese ha accettato la quota del FMI per il commercio internazionale. L'intervento delle banche europee (in particolare la Bundesbank) ha influenzato il mercato Forex il 27 febbraio 1985. La quota più elevata di tutti i commerci in tutto il mondo nel corso del 1987 è stata nel Regno Unito (poco più di un quarto). Gli Stati Uniti hanno avuto la seconda quantità di posti coinvolti nel trading. Nel 1991, l'Iran ha cambiato accordi internazionali con alcuni paesi dal petrolio al cambio. Dimensione del mercato e liquidità. Il mercato forex è il mercato finanziario più liquido del mondo. Gli operatori finanziari sono governi e banche centrali, banche commerciali, altri investitori istituzionali e istituzioni finanziarie, speculatori finanziari, altre società commerciali e individui. Il fatturato medio giornaliero nei mercati mondiali di cambio e nei mercati correlati è in continua crescita. Secondo l'analisi della Banca Centrale Triennale 2010, coordinata dalla Banca per i Regolamenti Internazionali, il fatturato giornaliero medio è stato di $ 3.98 trilioni nell'aprile 2010 (rispetto a $ 1,7 trilioni nel 1998). Di questi $ 3.98 trilioni, 1,5 miliardi di dollari sono stati transazioni spot e 2,5 miliardi di dollari sono stati negoziati in outright forward, swap e altri derivati. Nell'aprile 2010, il commercio nel Regno Unito rappresentava il 36,7% del totale, rendendolo di gran lunga il più importante centro di forex trading nel mondo. Il commercio negli Stati Uniti è pari al 17,9% e il Giappone ha rappresentato il 6,2%. La prima volta che Singapore ha superato il Giappone nel volume giornaliero di scambio quotidiano di scambio internazionale, nell'aprile 2013 con 383 miliardi di dollari al giorno. Quindi il volume commerciale è diventato: Regno Unito (41%), Stati Uniti (19%), Singapore (5,7%), Giappone (5,6%) e Hong Kong (4,1%). L'andamento dei contratti futures e opzioni in valuta estera è cresciuto rapidamente negli ultimi anni, raggiungendo 166 miliardi di dollari nell'aprile 2010 (raddoppiando il fatturato registrato nell'aprile 2007). A partire dall'aprile del 2016, i derivati ​​valutari negoziati in borsa rappresentano il 2% del fatturato OTC forex. I contratti futures in valuta estera sono stati introdotti nel 1972 al Chicago Mercantile Exchange e sono negoziati più di altri contratti futures. I paesi più sviluppati consentono di scambiare prodotti scambiati (quali futures e opzioni su futures) sui loro scambi. Tutti questi paesi sviluppati hanno già conti capitale convertibili. Alcuni governi dei mercati emergenti non consentono i prodotti derivati ​​forex sui loro scambi perché hanno controlli di capitale. L'uso di derivati ​​sta crescendo in molte economie emergenti. Paesi come la Corea del Sud, il Sudafrica e l'India hanno istituito scambi di futures in valuta, pur avendo alcuni controlli sui capitali. Il commercio con valuta estera è aumentato del 20% tra aprile 2007 e aprile 2010 e si è più che raddoppiato dal 2004. L'aumento del fatturato è dovuto a numerosi fattori: la crescente importanza della valuta estera come classe di attività, l'incremento dell'attività di negoziazione dei commercianti ad alta frequenza e l'emergere di investitori retail come un importante segmento di mercato. La crescita dell'esecuzione elettronica e la diversa selezione delle sedi di esecuzione hanno ridotto i costi di transazione, aumentato la liquidità del mercato e ha attirato una maggiore partecipazione di molti tipi di clienti. In particolare, il trading elettronico attraverso i portali online ha reso più facile ai commercianti al dettaglio di scambi nel mercato dei cambi. Entro il 2010 il commercio al dettaglio è stato stimato fino al 10% del fatturato spot, ovvero 150 miliardi di dollari al giorno. Il Forex è scambiato in un mercato over-the-counter in cui i broker / rivenditori negoziano direttamente l'uno con l'altro, quindi non c'è scambio centrale o casa di compensazione. Il più grande centro commerciale geografico è il Regno Unito, in primo luogo Londra. Secondo TheCityUK, si stima che Londra abbia aumentato la sua quota di fatturato globale nelle transazioni tradizionali, passando dal 34,6% dell'aprile 2007 al 36,7% nell'aprile 2010. A causa del dominio di Londra sul mercato, il prezzo quotato di una moneta particolare è di solito il prezzo di mercato di Londra. Ad esempio, quando il Fondo monetario internazionale calcolerà ogni giorno il valore dei propri diritti di prelievo speciale, utilizzano i prezzi di mercato di Londra a mezzogiorno quel giorno. Partecipanti al mercato. A differenza di un mercato azionario, il mercato dei cambi è suddiviso in livelli di accesso. In cima è il mercato forex interbancario, costituito dalle più grandi banche commerciali e titolari di titoli. All'interno del mercato interbancario, gli spread, che sono la differenza tra i prezzi di offerta e di domanda, sono brillanti e non noti per i giocatori al di fuori del cerchio interno. La differenza tra i prezzi di offerta e di domanda si allarga (ad esempio da 0 a 1 pip a 1-2 pip per valute come l'EUR) mentre si scende i livelli di accesso. Ciò è dovuto al volume. Se un operatore può garantire un gran numero di transazioni per grandi quantità, può richiedere una differenza minore tra il prezzo di offerta e quello di domanda, che viene definito come una migliore diffusione. I livelli di accesso che compongono il mercato dei cambi sono determinati dalla dimensione della "linea" (la quantità di denaro con cui sono negoziati). Il mercato interbancario di primo livello rappresenta il 51% di tutte le transazioni. Da lì, le banche più piccole, seguite da grandi società multinazionali (che hanno bisogno di copertura del rischio e pagano dipendenti in diversi paesi), grandi hedge fund e persino alcuni degli operatori del mercato al dettaglio. Secondo Galati e Melvin, "i fondi pensione, le compagnie di assicurazione, i fondi comuni di investimento e altri investitori istituzionali hanno svolto un ruolo sempre più importante nei mercati finanziari in generale e nei mercati dei fondi monetari in particolare a partire dai primi anni 2000". (2004) Inoltre, osserva, "i fondi hedge sono cresciuti notevolmente nel periodo 2001-2004 in termini di numero e di dimensione complessiva". Anche le banche centrali partecipano al mercato forex per allineare le valute alle loro esigenze economiche. Aziende commerciali. Una parte importante del mercato forex deriva dalle attività finanziarie delle società che cercano scambio di valuta per pagare beni o servizi. Le imprese commerciali spesso commercializzano quote piuttosto piccole rispetto a quelle delle banche o degli speculatori, ei loro scambi spesso hanno un impatto a breve termine sui tassi di mercato. Tuttavia, i flussi commerciali sono un fattore importante nella direzione a lungo termine del cambio. Alcune multinazionali (MNC) possono avere un impatto imprevedibile quando le posizioni molto grandi sono coperte a causa di esposizioni che non sono ampiamente conosciute da altri partecipanti al mercato. Banche centrali. Le banche centrali nazionali svolgono un ruolo importante nei mercati dei cambi. Cercano di controllare l'offerta monetaria, l'inflazione e / oi tassi di interesse e spesso hanno tassi di interesse ufficiali o non ufficiali per le loro valute. Possono utilizzare le loro riserve forex spesso importanti per stabilizzare il mercato. Tuttavia, l'efficacia della "speculazione stabilizzatrice" della banca centrale è dubbia perché le banche centrali non falliscono se fanno grandi perdite, come altri commercianti. Non vi sono inoltre prove convincenti che effettivamente fanno un profitto dal trading. Imprese di gestione degli investimenti. Le società di gestione degli investimenti (in genere gestiscono grandi clienti per conto di clienti, come i fondi pensione e depositi) utilizzano il mercato delle valute per facilitare operazioni in titoli esteri. Ad esempio, un gestore di investimenti con un portafoglio azionario internazionale deve acquistare e vendere parecchie coppie di valute estere per pagare gli acquisti di titoli esteri. Alcune società di gestione degli investimenti hanno anche più speculative specializzazioni nelle operazioni con sovrapposizione di valuta, queste aziende gestiscono le esposizioni finanziarie dei clienti con l'obiettivo di generare profitti e limitare il rischio. Mentre il numero di questo tipo di imprese specializzate è abbastanza piccolo, molti hanno un grande valore delle attività in gestione e possono pertanto generare grossi mestieri. Commercianti di cambio al dettaglio. Con l'avvento del commercio di valuta estera al dettaglio, i singoli commercianti speculativi al dettaglio costituiscono un segmento crescente di questo mercato, sia in termini di dimensioni che di pertinenza. Attualmente, partecipano indirettamente tramite broker o banche. I broker di vendita al dettaglio, pur ampiamente controllati e regolamentati negli Stati Uniti dalla Commodity Futures Trading Commission e dalla National Futures Association, sono già stati oggetto di frodi finanziarie periodiche. Per affrontare la questione, nel 2010 NFA ha richiesto ai suoi membri che si occupano dei mercati Forex di registrarsi come tali (ad esempio, Forex CTA invece di CTA). Quelli membri della NFA che tradizionalmente sarebbero soggetti a requisiti patrimoniali minimi netti, FCM e IBs, sono soggetti a maggiori requisiti patrimoniali netti minimi se trattano in Forex. Un certo numero di broker di forex operano dal Regno Unito in base ai regolamenti dell'Autorità di Financial Services in cui la negoziazione di cambio in valuta utilizzando il margine fa parte del più ampio settore di trading dei derivati ​​over-the-counter che include contratti per differenza e scommesse diffusione finanziaria. Ci sono due tipi principali di broker di vendita al dettaglio che offrono l'opportunità di trading finanziario speculativo: broker e rivenditori o produttori di mercato. I broker agiscono come agente del cliente nel più ampio mercato FX, cercando il miglior prezzo sul mercato per un ordine di vendita al dettaglio e che si occupano per conto del cliente al dettaglio. Fanno pagare una commissione o un "mark-up" oltre al prezzo ottenuto sul mercato. I rivenditori o gli operatori di mercato, invece, tipicamente fungono da principali nella transazione rispetto al cliente al dettaglio e citano un prezzo che sono disposti ad affrontare. Società di scambio non bancarie. Le società di cambio non bancarie offrono scambi di valuta e pagamenti internazionali a privati ​​e aziende. Questi sono anche noti come "broker forex", ma sono distinti in quanto non offrono scambi commerciali speculativi, bensì scambi di valuta con i pagamenti (cioè, di solito, una consegna fisica di valuta su un conto bancario). L'obiettivo di queste società è di solito che offriranno tassi di cambio migliori o pagamenti più economici rispetto alla banca del cliente. Si stima che nel Regno Unito il 14% dei trasferimenti / pagamenti finanziari avviene tramite società di cambio. Il volume delle transazioni effettuate attraverso le società forex in India ammonta a circa 2 miliardi di dollari al giorno - questo non compete con un mercato sviluppato di valuta estera di reputazione internazionale, ma con l'ingresso di società on-line on-line il mercato sta aumentando costantemente. Circa il 25% dei trasferimenti / pagamenti finanziari in India sono effettuati tramite società di scambio non bancario. La maggior parte di queste società utilizza l'USP di tassi di cambio migliori rispetto alle banche. Sono regolati da FEDAI e qualsiasi transazione in forex è disciplinata dalla Foreign Exchange Management Act, 1999 (FEMA). Aziende sul trasferimento di denaro e punti di cambio. Le aziende sul trasferimento di denaro effettuano trasferimenti a basso valore di alto volume in genere da parte dei migranti economici tornano nel loro paese d'origine. Nel 2007, il gruppo Aite ha stimato che erano 369 miliardi di dollari di rimesse (un aumento dell'8% rispetto all'anno precedente). I quattro maggiori mercati (India, Cina, Messico e Filippine) ricevono 95 miliardi di dollari. Il fornitore più grande e conosciuto è WesternUnion con 345.000 agenti globali, seguito da UAEexchange. I punti di cambio di valuta forniscono servizi di cambio di basso valore per i viaggiatori. Questi sono tipicamente situati negli aeroporti e nelle stazioni o in località turistiche e permettono di essere scambiati unità fisiche di una valuta all'altra. Essi accedono ai mercati delle valute tramite banche o società di cambio non bancarie. Fissazione del tasso di cambio delle valute. La fissazione del tasso di cambio delle valute è il tasso di cambio giornaliero fissato dalla banca nazionale di ciascun paese. L'idea è che le banche centrali utilizzino il tempo di fissazione e il tasso di cambio per valutare il comportamento della loro valuta. Il tasso di cambio rispecchia il valore reale dell'equilibrio sul mercato. Banche, concessionari e commercianti utilizzano i tassi di fissazione come indicatore di tendenza del mercato. La mera aspettativa o la voce di un intervento di cambio bancario centrale potrebbero bastare a stabilizzare una valuta. Tuttavia, l'intervento aggressivo potrebbe essere utilizzato più volte ogni anno in paesi con un regime finanziario fluttuante sporco. Le banche centrali non sempre raggiungono i loro obiettivi. Le risorse combinate del mercato possono facilmente superare qualsiasi banca centrale. Diversi scenari di questa natura sono stati osservati nel crollo del meccanismo europeo dei tassi di cambio 1992-93, e in tempi più recenti in Asia. Caratteristiche commerciali. Non esiste un mercato unificato o centrale per la maggior parte dei mestieri, e vi è pochissima regolamentazione transfrontaliera. A causa della natura over-the-counter dei mercati finanziari, esistono piuttosto un numero di mercati interconnessi in cui vengono negoziati strumenti diversi di valute. Ciò implica che non esiste un singolo tasso di cambio, ma ci sono piuttosto diversi prezzi (prezzi), a seconda di quale banca o il market maker sta scambiando e dove si trova. In pratica, i tassi sono abbastanza vicini a causa di arbitraggio. A causa del dominio di Londra sul mercato, il prezzo quotato di una moneta particolare è di solito il prezzo di mercato di Londra. I principali scambi commerciali includono Electronic Broking Services (EBS) e Thomson Reuters Dealing, mentre le maggiori banche offrono anche sistemi di trading. Una joint venture del Chicago Mercantile Exchange e Reuters, denominata Fxmarketspace, è stata aperta nel 2007 e ha aspirato ma non è riuscito al ruolo di un meccanismo di liquidazione del mercato centrale. I principali centri commerciali sono Londra e New York City, anche se Tokyo, Hong Kong e Singapore sono tutti importanti centri. Le banche partecipano in tutto il mondo. Il trading finanziario avviene continuamente durante il giorno; alla fine della sessione di negoziazione asiatica, inizia la sessione europea, seguita dalla sessione nordamericana e poi alla sessione asiatica. Le fluttuazioni dei tassi di cambio sono solitamente causate da flussi monetari effettivi e da aspettative di cambiamenti nei flussi monetari. Questi sono causati da variazioni della crescita del prodotto interno lordo (GDP), dell'inflazione (teoria della parità di potere d'acquisto), dei tassi di interesse (parità di tasso di interesse, effetto del Fisher domestico, effetto Fisher internazionale), bilancio e disavanzi o surplus commerciali, grandi M & A transfrontalieri offerte e altre condizioni macroeconomiche. Le notizie importanti vengono pubblicate pubblicamente, spesso in date programmate, così tante persone hanno accesso alle stesse notizie contemporaneamente. Tuttavia, le grandi banche hanno un importante vantaggio; possono vedere il flusso di ordini dei loro clienti. Le valute vengono scambiate tra loro in coppia. Ogni coppia di valute costituisce quindi un prodotto di scambio individuale ed è tradizionalmente notato XXXYYY o XXX / YYY, dove XXX e YYY sono il codice internazionale ISO 4217 a tre lettere delle valute in questione. La prima valuta (XXX) è la valuta di base quotata rispetto alla seconda valuta (YYY), denominata valuta contatore (o valuta di quotazione). Ad esempio, la quotazione EURUSD (EUR / USD) 1.5465 è il prezzo dell'euro espresso in dollari statunitensi, ovvero 1 euro = 1.5465 dollari. La convenzione di mercato è quella di citare la maggior parte dei tassi di cambio rispetto all'USD con il dollaro USA come valuta base (ad esempio, USDJPY, USDCAD, USDCHF). Le eccezioni sono la sterlina britannica (GBP), il dollaro australiano (AUD), il dollaro neozelandese (NZD) e l'euro (EUR) dove l'USD è la controparte (p.es. GBPUSD, AUDUSD, NZDUSD, EURUSD). I fattori che interessano XXX influenzano sia XXXYYY che XXXZZZ. Ciò provoca una correlazione positiva di valuta tra XXXYYY e XXXZZZ. Sul mercato spot, secondo l'indagine triennale del 2016, le coppie di valute bilaterali maggiormente negoziate erano: EURUSD: 23,0% USDJPY: 17,7% GBPUSD (chiamato anche cavo): 9,2% La valuta statunitense è stata coinvolta nell'87,6% delle operazioni, seguita dall'euro (31,3%), lo yen (21,6%) e la sterlina (12,8%). Le percentuali di volume per tutte le singole valute dovrebbero aggiungere fino al 200%, in quanto ogni transazione prevede due valute. Il trading in euro è cresciuto notevolmente dopo la creazione della moneta nel gennaio 1999 e per quanto tempo il mercato forex rimarrà centrato sul dollaro questo è aperto alla discussione. Fino a poco tempo fa, negoziando l'euro contro una moneta non europea, ZZZ avrebbe generalmente coinvolto due mestieri: EURUSD e USDZZZ. L'eccezione a questo è EURJPY, che è una coppia di valute tradotte sul mercato interbancario. Fattori che determinano i tassi di cambio. Le seguenti teorie spiegano le fluttuazioni dei tassi di cambio in un regime fluttuante dei tassi di cambio (In un regime di cambio fisso, le tariffe sono decise dal suo governo): Condizione di parità internazionale: parità di potere di acquisto relativo, parità di tasso di interesse, effetto Fisher domestico, effetto Fisher internazionale. Sebbene in qualche misura le teorie sopra riportate forniscano una spiegazione logica delle fluttuazioni dei tassi di cambio, tuttavia queste teorie si affliggono poiché si basano su supposizioni che raramente hanno un significato nel mondo reale. Modello di bilancia dei pagamenti: tuttavia, questo modello si concentra in gran parte su beni e servizi commerciabili, ignorando il crescente ruolo dei flussi di capitali globali, questo modello non ha fornito alcuna spiegazione per l'apprezzamento continuo del dollaro negli anni '80 e nella maggior parte degli anni '90 , nonostante il crescente deficit di conto corrente statunitense. Il modello del mercato degli asset: valuta le valute come una classe di asset importante per la costruzione di portafogli di investimento. I prezzi dei beni sono influenzati soprattutto dalla volontà della gente di tenere i quantitativi attivi esistenti, che a loro volta dipendono dalle loro aspettative sul valore futuro di tali beni. Il modello del mercato dei beni per la determinazione del tasso di cambio stabilisce che "il tasso di cambio tra due valute rappresenta il prezzo che bilancia equamente le relative cessioni e la domanda di attività denominate in tali monete". Nessuno dei modelli sviluppati finora riuscirà a spiegare i tassi di cambio e la volatilità nei tempi più lunghi. Per brevi tempi (meno di pochi giorni), possono essere ideati algoritmi per prevedere i prezzi. Da questi modelli emerge che molti fattori macroeconomici influenzano i tassi di cambio e alla fine i prezzi delle valute sono il risultato di doppie forze di domanda e di offerta. I mercati finanziari mondiali possono essere considerati come un'enorme piattaforma di fusione: in un grande e continuo mutamento di eventi attuali, i fattori di domanda e di offerta sono costantemente spostati e il prezzo di una moneta in rapporto ad un altro cambia di conseguenza. Nessun altro mercato comprende (e distilla) quanto di tutto ciò che sta succedendo nel mondo in qualsiasi momento con il mercato dei cambi. La domanda e l'offerta di qualsiasi valuta sono influenzate da diversi fattori, non da singoli fattori. Questi fattori sono generalmente divisi in tre categorie: fattori economici, condizioni politiche e psicologia del mercato. Fattori economici. Questi includono: a) politica economica, diffusa dalle agenzie governative e dalle banche centrali; b) condizioni economiche, generalmente rivelate attraverso rapporti economici e altri indicatori economici. La politica economica comprende la politica fiscale del governo (prassi / spesa) e la politica monetaria (i mezzi con cui la banca centrale del governo influenza l'offerta e il "costo" del denaro, riflesso dal livello dei tassi di interesse). Deficit di bilancio del governo o eccedenze: il mercato reagisce negativamente ad ampliare i deficit di bilancio del governo e reagisce positivamente alla riduzione dei disavanzi di bilancio. L'impatto si riflette nel valore della valuta di un paese. Bilancia dei livelli commerciali e delle tendenze: Il flusso commerciale tra i paesi illustra la domanda di beni e servizi, che a sua volta indica la domanda di valuta di un paese per condurre il commercio. Le eccedenze e disavanzi nel commercio di beni e servizi riflettono la competitività dell'economia di una nazione. Ad esempio, i disavanzi commerciali possono avere un impatto negativo sulla valuta di una nazione. Livelli e tendenze dell'inflazione: in genere una valuta perde valore se esiste un livello elevato di inflazione nel paese o se i livelli di inflazione sono percepiti in aumento. Ciò è dovuto all'inflazione del potere d'acquisto, quindi della domanda, per quella valuta particolare. Tuttavia, una valuta può talvolta rafforzarsi quando l'inflazione sale, a causa delle aspettative che la banca centrale aumenta i tassi di interesse a breve termine per combattere l'inflazione in aumento. Crescita economica e salute: i rapporti come il PIL, i livelli di occupazione, le vendite al dettaglio, l'utilizzo delle capacità e altri, dettagliano i livelli della crescita economica e della salute di un paese. Generalmente, più forte e più sano l'economia di un paese, più sarà la performance della sua moneta, e più sarà la domanda sulla sua moneta. Produttività di un'economia: L'aumento della produttività in un'economia dovrebbe influenzare positivamente il valore della sua moneta. I suoi effetti sono più importanti se l'aumento è nel settore scambiato. Condizioni politiche. Le condizioni politiche e gli eventi politici interni, regionali e internazionali possono avere un effetto profondo sui mercati finanziari. Tutti i tassi di cambio sono suscettibili di instabilità politica e anticipazioni sul nuovo partito di governo. I cambiamenti politici e l'instabilità possono avere un impatto negativo sull'economia di una nazione. Ad esempio, la destabilizzazione dei governi di coalizione in Pakistan e in Thailandia può influire negativamente sul valore delle loro valute. Allo stesso modo, in un paese che ha difficoltà finanziarie, l'aumento di una fazione politica percepita come fiscalmente responsabile può avere l'effetto opposto. Inoltre, gli eventi in un paese in una regione possono suscitare un'influenza positiva / negativa sul Paese limitrofo e in questo processo influenzano la sua moneta. Psicologia del mercato. La psicologia del mercato e le percezioni del commerciante influenzano il mercato del forex in vari modi: Passaggio alla qualità: gli eventi internazionali sconvolgenti possono portare ad una "transizione alla qualità", un tipo di volo di capitale per cui gli investitori trasferiscono le proprie attività in un "paradiso sicuro" percepito. Ci sarà una maggiore domanda e quindi un prezzo più elevato per le valute percepite come più forti rispetto alle loro controparti relativamente più deboli. Il dollaro USA, il franco svizzero e l'oro sono stati paradisi tradizionali in tempi di incertezza politica o economica. Trend di lungo termine: i mercati finanziari spesso si muovono in tendenze a lungo termine visibili. Sebbene le valute non dispongono di tempi specifici di crescita annua, i cicli commerciali si fanno sentire. L'analisi del ciclo esamina le tendenze dei prezzi a più lungo termine che possono sorgere dalle tendenze economiche o politiche. "Acquistare su voci, vendere di fatto": questo truism di mercato può applicarsi a molte situazioni finanziarie. È la tendenza in cui il prezzo di valuta riflette l'impatto di un'azione particolare prima che si verifichi, e quando si verifica l'evento previsto, il prezzo di valuta reagisce esattamente nella direzione opposta. Questo può anche essere indicato come un mercato "over-sold" o "over-bought". Acquistare su voci e vendere sul fatto può anche essere un esempio del bias cognitivo, noto come ancoraggio, quando gli investitori si concentrano troppo sulla rilevanza degli eventi esterni ai prezzi delle monete. Numeri economici: mentre i numeri economici possono certamente riflettere la politica economica, alcuni rapporti e numeri assumono un effetto talismano: il numero stesso diventa importante per la psicologia del mercato e può avere un impatto immediato sulle mosse di mercato a breve termine. "Cosa guardare" può cambiare nel tempo. Negli ultimi anni, ad esempio, i riflettori sono stati la fornitura di moneta, l'occupazione, le cifre del bilancio commerciale ei numeri di inflazione. Aspetti di negoziazione tecnica: come in altri mercati, i movimenti dei prezzi accumulati in una coppia di valute come EUR / USD possono formare modelli apparenti che i commercianti possono tentare di utilizzare. Molti commercianti studiano i grafici dei prezzi per identificare tali modelli. Strumenti finanziari. Contratti spot. Una transazione a pronti è una transazione con consegna di due giorni (tranne nel caso di operazioni tra il dollaro statunitense, il dollaro canadese, la lira turca, l'euro e il rublo russo, che stabiliscono il giorno lavorativo successivo), contrariamente ai contratti futures che vengono consegnati di solito in tre mesi. Questo scambio rappresenta un "scambio diretto" tra due valute, ha il più breve periodo di tempo, prevede contanti piuttosto che un contratto e gli interessi non sono inclusi nell'operazione concordata. Il trading spot è uno dei tipi più comuni di forex trading. Spesso un broker forex addebita una piccola commissione dal cliente per prolungare la transazione scadente, per una continuazione del trading. Questa tassa di proroga è conosciuta come la tassa "Swap". Contratti a termine. Un modo per affrontare il rischio di cambio è quello di impegnarsi in una transazione a termine. In questa transazione, i soldi in realtà non cambiano il proprietario finché alcuni non sono d'accordo sulla data futura. Un acquirente e un venditore concordano un tasso di cambio per qualsiasi data in futuro, e la transazione avviene in quella data, a prescindere da quali saranno le tariffe di mercato in questo momento. La durata del commercio può essere un giorno, pochi giorni, mesi o anni. Di solito la data è decisa da entrambe le parti. Quindi il contratto forward è concordato e approvato da entrambe le parti. Contratti a termine non redatti. Le banche Forex, ECN e broker prime offrono contratti NDF, che sono derivati ​​che non hanno una reale capacità di consegna. NDF sono popolari per le valute con restrizioni come il peso argentino. Infatti, un hedge Forex può solo coprire questi rischi con NDF, in quanto le valute come il Peso argentino non possono essere scambiate in mercati aperti, a differenza delle principali valute. Scambiare contratti. Il tipo più comune di transazione a termine è lo swap. In uno swap, due parti scambiano le valute per un certo periodo di tempo e accettano di completare l'operazione in una data successiva. Questo non è un contratto standardizzato e non viene scambiato tramite scambio. È spesso necessario un deposito per mantenere la posizione aperta fino alla conclusione della transazione. Contratti futures. I futures sono contratti a termine standardizzati e sono tradizionalmente negoziati su uno scambio creato per questo scopo. La durata media del contratto è di circa 3 mesi. I contratti futures sono generalmente inclusivi di qualsiasi importo di interessi. I contratti futures su valute sono contratti che specificano un volume standard di una determinata valuta da scambiarsi su una specifica data di regolamento. I contratti futures monetari sono quindi simili ai contratti a termine in termini di obbligazioni, ma differiscono da contratti a termine nel modo in cui vengono negoziati. Sono comunemente utilizzati dalle multinazionali (MNC) per coprire le loro posizioni in valuta. Inoltre sono negoziati da speculatori che sperano di capitalizzare le loro aspettative sui movimenti dei tassi di cambio. Contratti di opzione. Le opzioni Forex sono un derivato in cui il titolare ha il diritto, ma non l'obbligo di scambiare denaro denominato in una valuta in un'altra valuta a un tasso di cambio pre-concordato in una determinata data. Il mercato delle opzioni Forex è il mercato più profondo, il più grande e il più liquido di opzioni di qualsiasi tipo in tutto il mondo. Speculazione I grandi hedge fund e altri "commercianti di posizioni" ben capitalizzati sono i principali speculatori professionali. Secondo alcuni economisti, i singoli commercianti potrebbero agire come "commercianti di rumore" e avere un ruolo più destabilizzante rispetto ai partecipanti più grandi e meglio informati. Anche da considerare l'aumento del autotrading in valuta estera - il trading algoritmico (automatizzato) è aumentato dal 2% nel 2004 fino al 45% nel 2010. La speculazione finanziaria è considerata un'attività sospetta in molti paesi. Gli investimenti in strumenti finanziari tradizionali, quali obbligazioni o azioni, sono spesso considerati positivi per la crescita economica dovuta alla dotazione di capitali, ma la speculazione finanziaria non ha un effetto positivo in base a questo punto di vista e la considerava semplicemente il gioco d'azzardo che spesso interferisce con la politica economica. Ad esempio, nel 1992, la speculazione finanziaria ha costretto la Banca Nazionale Svedese (la banca centrale svedese) ad aumentare i tassi di interesse per pochi giorni al 500% all'anno e, successivamente, a svalutare la Krona. Mahathir Mohamad, uno dei primi ministri della Malesia, è un ben noto sostenitore di questa visione. Egli ha incolpato nella svalutazione del malese ringgit nel 1997 di George Soros e altri speculatori. Gregory Millman riferisce una visione opposta, confrontando gli speculatori con "vigilanti" che semplicemente aiutano "a imporre" accordi internazionali e anticipano gli effetti delle "leggi" economiche di base per trarre profitto. In questa prospettiva, i paesi possono sviluppare bolle economiche insostenibili o alterare in modo negativo le loro economie nazionali e gli speculatori finanziari rendono più veloce il collasso inevitabile. Un crollo relativamente rapido potrebbe essere anche preferibile a continuare una gestione economica sbagliata, seguita da un eventuale crollo più grande. Mahathir Mohamad e altri critici di speculazione sono considerati come tentativi di deviare la colpa da se stessi per aver causato le condizioni economiche insostenibili. Evitare il rischio. L'evasione del rischio è una specie di comportamento di negoziazione esposto dal mercato forex quando si verifica un evento potenzialmente avverso che può influenzare le condizioni di mercato. Questo comportamento è caratterizzato dal fatto che i commercianti non vogliono rischiare e liquidare le loro posizioni in attività a rischio e trasferire i fondi a attività meno rischiate a causa dell'incertezza del mercato. Nel contesto del mercato dei cambi, i commercianti liquidano le loro posizioni in diverse valute al fine di assumere posizioni in valuta sicura, come il dollaro statunitense. A volte, la scelta di un rifugio sicuro per la valuta è più basata sui sentimenti prevalenti, non sulle statistiche economiche. Un esempio potrebbe essere la crisi finanziaria del 2008. Il valore delle azioni in tutto il mondo è diminuito mentre il dollaro USA si è rafforzato. Ciò è avvenuto nonostante il forte obiettivo della crisi statunitense. Il commercio dei tassi di interesse (Carry-Trade). Il commercio dei tassi di interesse si riferisce all'atto di prendere in prestito una moneta che ha un basso tasso di interesse per acquistare un altro con un tasso di interesse più elevato. Una grande differenza nei tassi può essere molto vantaggiosa per il commerciante, soprattutto se si utilizza il credito. Tuttavia, con tutti i crediti di credito, si tratta di una spada a due vie e, con l'apparenza di una grande instabilità del tasso di cambio, si può improvvisamente ottenere una grande perdita.
References:
Foreign exchange market Wikipedia  CC BY-SA


ALTRE RISCHIO ATTENZIONE: lo scambio di valuta estera porta ad un alto livello di rischio che potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. Leverage crea un'ulteriore esposizione a rischio e perdita. Prima di decidere di scambiare valuta estera, considerare attentamente gli obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la tolleranza al rischio. Potresti perdere un po 'o tutto il tuo investimento iniziale; Non investire denaro che non si può permettere di perdere. Educare se stessi sui rischi connessi con il trading in valuta estera e richiedere consulenza da un consulente finanziario o fiscale indipendente se hai domande.

I mediatori possono darci la compensazione.